domenica 6 maggio 2012

MusicArt - Le parole del Poeta

  Terzo appuntamento con la rubrica MusicArt. È arrivato il momento di un autore italiano, forse il più grande... avete già capito di chi parlo, no? Oggi, quando diventa difficile identificarsi nel marasma di autori nati e scomparsi al ciclo di una fase lunare, un cantautore merita di essere ricordato, nonostante non sia destinato al tramonto!

"...pensavo è bello che dove finiscono le mie dita debba in qualche modo incominciare una chitarra."
  De André (Faber per molti fan dal giorno della sua morte) non è moda, altrimenti anche lui scivolerebbe via come tanti altri, è poesia, di quella duratura, scolpita nella mente. Eppure lui non amava definirsi un poeta; a proposito delle sue canzoni piuttosto diceva "Mi sono permesso di scrivere sta roba qua". Cantautore italiano con la C maiuscola, di cui si possono apprezzare le raffinate canzoni, sensibili ai temi delle classi meno abbienti, degli emarginati, ribelli e prostitute.

  Attraverso l'uso di un carattere di scrittura (font) ho voluto dar risalto alla sua innata dote di grande paroliere della canzone italiana. Un attento osservatore scoprirà frasi, citazioni, titoli di canzoni, parole più usate da Fabrizio De André.

2 commenti: