sabato 23 giugno 2012

ArchScape - Grattacielo alto quasi un miglio

  Consueto appuntamento del Sabato con la rubrica ArchScape, questa volta ci occuperemo di grattacieli attraverso l'illustrazione dell'Aere Building, un grattacielo alto "quasi" un miglio.


  Dal titolo si può intuire il forte richiamo ad un opera del grande architetto Frank Lloyd Wright. Già novantenne l'architetto si cimentò nella proposta di un grattacielo alto un miglio (circa 1609 metri), conosciuto anche come The Mile High Illinois. Nonostante l'idea e la forma attraente dell'edificio, 528 piani snelli e affusolati, questo grattacielo resterà probabilmente uno dei più famosi progetti su carta mai realizzati. Quando venne pensato negli anni '50 si presentava come un progetto complesso, fortemente criticabile su alcuni aspetti progettuali. Oltre le notevoli difficoltà degli operai nel lavorare ed essere trasportati ad altezze considerevoli, c'era il problema dell'oscillazione dei piani superiori a causa della flessibilità dell'acciaio e della presenza necessaria di numerosi vani ascensore, rampe di scale antincendio, in misura minore di condutture per lo smaltimento delle acque e impianti fognari, a ridurre la metratura utile dell'edificio.
  Questo progetto, nato da una visione romantica dell'architettura in cui l'uomo cerca di superare i propri limiti, a tutti gli effetti utopico per l'epoca, sarebbe oggi tranquillamente realizzabile. Lo dimostra un altro grattacielo attualmente in fase di costruzione: il Burj Dubai. Nonostante le proporzioni dimezzate rispetto al One Mile High, la somiglianza tra i due edifici è notevole.

  In questo disegno, nato sulla base di uno schizzo del taccuino, sono stati espressi concetti architettonici antichi e moderni. Ci sono richiami all'architettura moderna dei grattacieli ma anche una forte componente gotica nei piani inferiori. La Torre Eiffel e le nuvole intorno alla cima aiutano ad intuire le sue proporzioni, rendendo esplicito l'appellativo di "grattacielo alto quasi un miglio".
Pan

Precedenti articoli e illustrazioni:

Nessun commento:

Posta un commento